Scambio musicale tra Italia e Olanda – 9 luglio 2016

Il terzo appuntamento della XXXVII Stagione internazionale di concerti sugli organi storici sarà il 9 luglio alle ore 21 a OVADA nell’Oratorio dell’Annunziata

Interpreti
Cécile Prakken, flauto traverso (Olanda)
Aart Bergwerff, organo (Olanda)

La rassegna è stata realizzata con il sostegno della Compagnia di San Paolo nell’ambito della Scadenza Unica 2016 Performing Arts.

Si ringraziano Fondazioni CRT, CRAL e SOCIAL, il Conservatorio “Vivaldi” per la preziosa collaborazione che ci aiuta sempre a mantenere elevata l’offerta artistica.

Cecile Prakken, Aart Bergwerff

Girolamo Frescobaldi (1583 – 1643)
Toccata quinta sopra i pedali e senza, dal Secondo Libro di Toccate (1627) per solo organo

Jean Baptiste Loeillet de Gant (1680 – 1730)
Sonata in la minore
Adagio, Allegro, Adagio, Allegro per flauto e organo

Gaetano Donizetti (1797 – 1848)
Grande Offertorio

Diogenio Bigaglia (1676 – 1745)
Sonata op. 1, n° 8
Adagio, Allegro, Adagio, Allegro per flauto – organo

Antonio Vivaldi (1678 – 1741)
Concerto in Re maiore, op. 3 nr. 9 (trascritto per l’organo per J.S. Bach BWV 972)
Allegro – Largo – Presto

Johannes Schenck (1660 – 1710?)
Trio Sonata op. 3, n° 6 da: “Il Giardino Armonico” II op. 3
Vivace, Allegro, Adagio, Allegro per flauto e organo

Simeon ten Holt (1923 – 2012)
arr. Aart Bergwerff
Tema dal Canto Ostinato

Cécile Prakken

Cecile Prakken
nata a Heerlen (Paesi Bassi) si diploma al Conservatorio di Maastricht in Didattica della musica e Flauto traverso. Dopo aver lavorato come insegnante di musica e di flauto in diverse scuole musicali olandesi, si trasferisce in Italia, dove fra l’altro si esibisce come solista al Festival “Settembre al Borgo” di Casertavecchia e a Castelgandolfo alla presenza del Pontefice Giovanni Paolo II.
Perfeziona lo studio del flauto traverso sotto la guida del Maestro Vasco Degl’Innocenti, ottenendo il diploma di flauto al Conservatorio di Avellino. In quegli anni tiene a Napoli numerosi concerti. Nel 1990 incide, insieme al chitarrista Antonio Grande, un compact disc con brani originali per flauto e chitarra di compositori italiani del XIX secolo.
Dal 1994 vive a Como e insegna flauto traverso sia a Como sia in Svizzera.
Come giornalista musicale ha collaborato con l’emittente locale comasca “Espansione TV” e il quotidiano “Corriere di Como”. Per tre anni ha condotto un programma radiofonico di musica classica (“Allegro Vivace”).
Cécile ha partecipato a numerosi festival: tra l’altro al Festival Internazionale di Toscolano Maderno (Lago di Garda) e alla Settimana di musica a Noto (Sicilia); si esibisce a Napoli per la Comunità Luterana nella Rassegna Primaverile, al Festival Organistico Internazionale di Rapallo, a De Kunstdagen Wittem in Olanda, nella storica e monumentale biblioteca del monastero, e suona per la Società dei Concerti di Milano.
Partecipa ad un festival a Villa D’Este, a Cernobbio (Como) e al festival “Città di Cernobbio 2010” in un concerto per flauto e arpa e cura il programma di sala. Al Teatro Sociale di Como partecipa nell’aprile 2011 con artisti italiani e internazionali al concerto di beneficenza per un progetto in Africa (“You’ll never walk alone”).
Ha suonato a Salerno nella rassegna “La Settimana Nazionale delle Arti” e nel Teatro Stadsschouwburg di Heerlen (Paesi Bassi). Con la pianista russa Svetlana Shilovskikh ha registrato un compact disc con musica di autori russi e olandesi “The Window to Europe”. Nel 2014 ha suonato per la Fondazione Donizetti a Bergamo. Nello stesso anno partecipa al Festival “Amici della Musica d’Organo Vincenzo Colonna” di Corsanico (Lucca) con l’organista olandese Aart Bergwerff.
Dal 2013 lavora per il Gruppo televisivo musicale olandese “Brava”.

Aart Bergwerff

Aart Bergwerff
ha studiato organo al Conservatorio di Rotterdam e al Conservatorio di L’Aia ha studiato improvvisazione. Si è perfezionato in Germania e poi in Francia, a Parigi, sotto la guida di Marie Claire Alain, dove ha terminato i suoi studi conseguendo il Prix de Virtuosité.
E’ vincitore di numerosi concorsi internazionali per organo e nel 2003 è stato premiato con una medaglia d’argento da parte della Société Académique “Arts, Sciences et Lettres” per i suoi meriti per la cultura d’organo francese.
Dal 1994 è docente d’organo principale al Conservatorium di Rotterdam in Olanda, parte di Codarts, University of Professional Arts Education, e docente d’improvvisazione e costruzione d’organo.
Come consulente d’organo Aart Bergwerff è spesso coinvolto nel restauro di organi storici ma anche nella progettazione di nuovi strumenti.
Aart ha un’intensa attività concertistica in Olanda e nel mondo. E’ organista della Chiesa principale (Grote Kerk) a Breda e a soli 29 anni è stato nominato organista della Chiesa Luterana a L’Aia ed è così diventato titolare di uno degli organi storici più belli in Olanda, cioè l’organo di Johann Heinrich Hartmann Bätz.
Questo strumento, con la sua grande versatilità, ha avuto un’importante influenza sullo sviluppo musicale di Aart, dato che l’organo è il synthesizer-avant-la-lettre.
Partendo da questo punto di vista Aart Bergwerff sviluppa dei progetti d’avventura sull’organo integrandolo nella cultura contemporanea. In questo contesto è unica la sua collaborazione con il video artista Jaap Drupsteen.
Aart Bergwerff ha un enorme repertorio a disposizione e potrebbe esibirsi su qualsiasi organo.
Aart suona con calzature Greve.

Icona pdf Scarica il libretto della manifestazione (file pdf 2 Mb)
Icona pdf Articolo su Il Piccolo dell’08-07-2016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *